Videosorveglianza sul Vesuvio, Costa: «Una forma di garanzia per il cittadino» LE FOTO

NAPOLI – Un anno fa già tre grossi incendi avevano creato importanti danni alla vegetazione dell’ente Parco nazionale del Vesuvio ed anche alle persone. Assieme ad alberi e piante erano stati appiccati anche roghi a cumuli di rifiuti sversati illegalmente nel territorio del Parco. Le amministrazioni comunali e quella regionale avevano sottolineato l’importanza di dotare la zona di un impianto di videosorveglianza. Ad un anno di distanza la prima pietra è stata posta. Sono trentacinque le telecamere installate lungo il territorio dell’ente Parco. Serviranno sia per la prevenzione degli incendi boschivi che per controllare le strade dagli sversamenti abusivi. Alla presentazione dell’impianto, avvenuta nella sede del Parco nazionale del Vesuvio, ad Ottaviano, ha preso parte anche il ministro dell’Ambiente Sergio Costa. Lui che fino a pochi mesi aveva lavorato in questo territorio in qualità di generale dei carabinieri forestali. «Lo scorso anno in particolare la macchina ha iniziato a reagire subito agli attacchi al Vesuvio», ha detto Costa, aggiungendo che «ci ho tenuto ad essere qui perché questo sistema di videosorveglianza è importante oltre che fortemente simbolico». La base è stata tracciata, come ha sottolineato il ministro. «Ora chiedo ai sindaci di fare altrettanto nei territori comunali. Non stiamo costruendo uno stato di polizia, ma una forma di garanzia per il cittadino», ha dichiarato il numero uno del dicastero ambientale.

Tra i presenti alla conferenza stampa di presentazione del sistema di videosorveglianza anche il sindaco di Ottaviano Luca Capasso. «Dopo le telecamere del Comune di Ottaviano, arrivano anche quelle in tutto il territorio del Parco nazionale del Vesuvio: un grande risultato, frutto di sinergia istituzionale e dell’impegno dell’ente Parco e del presidente Agostino Casillo, che ringrazio», ha detto Capasso, aggiungendo una richiesta al ministro: «si faccia luce sugli sversamenti passati».

 

Costa ha parlato anche di un atto che ha visto protagonisti, qualche giorno fa, il titolare dell’Ambiente e il ministro dell’Interno Salvini. A ricordarlo lo stesso ex generale, il quale ha raccontato di un protocollo ratificato per diminuire il gap nello scambio di informazione tra carabinieri e vigili del fuoco. Costa ha inoltre ribadito la proposta del daspo ambientale presentata la scorsa settimana nell’Aula della Camera dei deputati.

di Ciro Oliviero – foto di Francesco Gravetti

                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                                   

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *