Chiudono i centri per disabili, protesta e lettera al Papa: «Proteggi i nostri ragazzi fragili»

disabilimentaliNAPOLI – «Carissimo Padre, com’è difficile raccontare, senza indugiare nello sconforto, cosa sta accadendo a 1530 disabili mentali». È iniziata così, con la lettura di una lettera rivolta a Papa Francesco, che domani sarà in visita nel capoluogo partenopeo, la manifestazione di protesta contro il Decreto 108/2014, che, approvato dalla giunta Caldoro, prevede la chiusura dei centri per la disabilità mentale.

«Abbiamo scelto il sagrato del Duomo – ha spiegato Toni Nocchetti, presidente dell’associazione “Tutti a scuola onlus” – perché tra 24 ore accoglierà Papa Francesco a cui vogliamo raccomandare i nostri ragazzi più fragili. È impensabili che, dopo tre mesi, la politica non si sia resa conto che con il Decreto 108 metterà per strada 1530 disabili mentali a cui non viene offerta nessuna alternativa».
Moltissimi erano i genitori di ragazzi e bambini disabili riuniti sul sagrato del Duomo, ognuno con la sua storia e la sua sofferenza, accomunati, però, dallo stesso obiettivo: impedire l’isolamento che la chiusura dei centri comporterebbe. Intanto sono già oltre 200 le famiglie che, contro il Decreto, hanno presentato ricordo al Tar.

di Emiliana Avellino

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *