Fabula, legalità, azione civile e valorizzazione dei beni comuni

La comunità atellana prova a reagire a poche settimane dai due gesti vandalici e intimidatori di inaudita violenza perpetrati ai danni dell’ex Municipio di Atella di Napoli, forte simbolo di identità territoriale. Dopo il flash mob #AmoAtella, proprio all’interno  dell’ex Municipio di Atella, è prevista, per stasera alle 17.30 nell’ ex Municipio di Atella, la presentazione del progetto “Fabula – Laboratorio di Comunità. Legalità, azione civile e valorizzazione dei beni comuni”. Fabula è uno dei sette interventi sostenuti da Fondazione con il Sud in tutto il Mezzogiorno, nell’ambito del bando storico artistico culturale “il bene torna comune”. Prevede uno sviluppo triennale e coinvolge i partner: Terra Felix, F2Lab, Creactivitas – Creative Economy Lab, Polo Museale della Campania, Cantiere Giovani, Coordinamento Sviluppo Locale, FederHand/Fish Campania onlus, Il Colibrì, Istituto Studi Atellani, Pro Loco Sant’Arpino, Social Techno. Il progetto, in particolare, è finalizzato alla riattivazione dell’ex Municipio di Atella trasformandolo nel Salotto della Città Atellana attraverso il trasferimento in esso del Museo Archeologico di Atella e l’attivazione di una serie di servizi ed eventi di particolare spessore sociale e culturale. Con “Fabula”, dunque, l’ex Municipio torna ad essere un bene comune fruibile diventando uno spazio polifunzionale di grande aggregazione non solo della popolazione locale. 

All’iniziativa,  coordinata dal caporedattore di Avvenire Toni Mira, porteranno il loro saluto i sindaci dei comuni proprietari della struttura: Giuseppe dell’Aversana (Sant’Arpino), Gianni Colella (Succivo), Andrea Villano (Orta di Atella). Interverranno inoltre: Antonio Pascale, cooperativa Terra felix; Anna Imponente, direttore del Polo Museale della Campania; Mons. Angelo Spinillo, vescovo di Aversa; Antonello Ardituro, magistrato e consigliere del Consiglio Superiore della Magistratura; Vanessa Pallucchi, vicepresidente di Legambiente nazionale; Anna Ceprano, presidente Legacoop Campania; Stefano Consiglio, direttore del Dipartimento di Scienze Sociali della Federico II di Napoli. A concludere sarà Carlo Borgomeo, presidente di Fondazione con il Sud.  Saranno presenti anche il Questore e il Prefetto di Caserta, rispettivamente Antonio Borrelli e Raffaele Ruberto;  il Presidente della Provincia di Caserta Giorgio Magliocca; i rappresentanti del Centro Servizi al Volontariato di Napoli e Caserta, del Comitato Don Peppe Diana, di Libera – Coordinamento Provinciale di Caserta. A fine serata sarà firmato l’appello al Governatore della Campania Vincenzo De Luca per avviare azioni di contrasto alla camorra necessarie per il riscatto e la rinascita civile del territorio di Atella. L’evento, tra l’altro, è una tappa straordinaria del Festival dell’impegno civile, promosso dal Comitato Don Peppe Diana e da Libera Coordinamento Provinciale di Caserta