Al via la giornata internazionale contro la violenza sulle donne

violenza donneROMA – Il calendario oggi segna una data importante. Si celebra, infatti, la giornata internazionale contro la violenza sulle donne, proclamata dall’Onu. Una giornata per manifestare il proprio dissenso contro i continui episodi di femminicidio e violenza.

SCIOPERO NAZIONALE – Troppe violenze e maltrattamenti subiti sia in ambito lavorativo che in quello privato. Per l’occasione è stato indetto uno sciopero, un momento per stare unite e contrastare contro tutte queste forme di violenza. A lanciare lo sciopero? Due giornaliste, Barbara Romagnoli e Adriana Terzo insieme alla presidente del centro “interculturale Trame di Terre”. Molti personaggi noti aderiscono all’iniziativa: «Con loro – commentano le organizzatrici – ci sono responsabili di centri antiviolenza, attiviste di Amnesty International, scrittrici, professioniste, casalinghe, insegnanti, madri, direttrici di banca, consigliere comunali, amministratrici e impiegate. Senza distinzione di classe e orientamento politico le donne si riuniscono per dire ”No alla violenza di genere». Oggi anche la scuola sciopera. Possibili disagi si potranno avere durante il regolare svolgimento delle lezioni. Mentre i sindacati hanno chiesto di indossare un indumento rosso a chiunque voglia partecipare alla mobilitazione. Lo sciopero è stato organizzato via web tramite la pagina Facebook ”Iniziativa città per città” e il sito “scioperodonne”.

ASTA SOLIDALE DI AMNESTY – Sono molte le iniziative promosse dalle diverse associazioni nazionali e internazionali. Amnesty International, ad esempio, per l’occorrenza  ha lanciato un’asta benefica online realizzata con il contributo di artisti, sportivi e personaggi celebri che mettono a disposizione un proprio oggetto (un abito, uno strumento, un’opera d’arte) o una situazione particolare (un aperitivo, il backstage di uno spettacolo o di un concerto). Il tutto per sostenere le attività di Amnesty.

 PER SAPERNE DI PIU’

Il sito di “Scioperodelledonne”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *