Facebook e Twitter: i nuovi strumenti per cercare lavoro

lavoro1MILANO – Gli under 30 ricorrono all’uso del web per trovare un lavoro. Questi i risultati emersi dalla ricerca “Dalla scuola al lavoro, attraverso i social” realizzata dalla fondazione Sodalitas in collaborazione con Randstad Italia. L’ analisi  ha interessato un campione di 700 giovani. Lo scopo? Analizzare e comprendere l’efficacia dell’uso dei social network, da parte dei giovani, per la ricerca di un impiego.

GIOVANI E LAVORO –  Secondo quanto emerso dall’indagine, Linkedin e Facebook risultano i siti più utilizzati e 1 candidatura su quattro va quasi sempre a buon fine. In particolare il sito più utilizzato è Facebook  (85,6%) seguito da Linkedin (53,3%) e Twitter (19,6%).  Facebook  è utilizzato più per lo svago mentre il 77,3% dei casi utilizza Linkedin per entrare in contatto con il mondo del lavoro e visionare le varie offerte delle aziende. Sono più di 2 milioni, ormai, le aziende che ricercano personale utilizzando il web. La presentazione dei dati dell’indagine è avvenuta durante la 4° edizione di “ScopriTalenti”. Iniziativa che permette ai partecipanti del corso “Giovani&Impresa” della fondazione di effettuare dei colloqui con varie aziende. Quest’anno hanno partecipato 40 ragazzi e 10 imprese: ABB Italia, Certiquality, Gam Edit, Italcementi, Leroy Merlin, Randstad Italia, Sandvik Italia, Schindler, Sma, Società Reale Mutua di Assicurazioni.

PER SAPERNE DI PIU’

Il sito di Sodalitas

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *