Alfano: «Gli Stati di provenienza paghino il vitto e l’alloggio degli immigrati in carcere»

ROMA – Una proposta che farà discutere. «Gli immigrati che vanno in carcere ledono il patto con lo Stato dove hanno deciso di andare a vivere. Almeno il vitto e l’alloggio dei detenuti immigrati facciamolo pagare agli stati di provenienza»: è quanto propone al meeting di Cl il ministro dell’Interno, Angelino Alfano. «Siamo un popolo accogliente, accogliamo i migranti vicino a Malta, sostituendoci a Malta, ma l’Italia non può essere dimenticata dall’Europa, e non può essere dimenticato che lo sforzo umanitario può porre un problema di sicurezza» ha aggiunto Alfano. «Ben vengano i richiami della Ue, ma l’Europa non può imporci tanto e darci poco», ha sottolineato ancora il ministro dell’Interno.

CUSTODIA CAUTELARE – Alfano, sollecita inoltre la riforma della custodia cautelare pur evidenziando che il 25% di chi viene arrestato preventivamente, poi viene assolto nel processo. Bisogna prendere coscienza del fatto che «non c’è alcun risarcimento statale – ha rimarcato il vicepresidente del Consiglio – che possa ridarti l’onore e la dignità che un’ingiusta detenzione ti ha tolto. Si vuole avere il coraggio di prendere questa decisione?».

GIUSTO PROCESSO – Poi il ministro dell’Interno ha davanti alla platea un richiamo dall’afflato religioso: «L’esempio di Cristo ci ricorda l’esigenza di un giusto processo ed i limiti della giustizia popolare». «La prima volta che sono andato a visitare un carcere da Guardasigilli – ha raccontato alla platea di Cl – il cappellano mi ha detto di guardare gli occhi dei detenuti perchè vi avrei trovato gli occhi di Cristo».

Redazione on line Corriere.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *