Bonifiche nel nolano, il pressing di Manfredi e Scotto

NAPOLI – I deputati Massimiliano Manfredi (Pd) e Arturo Scotto (Sel) hanno presentato un’interrogazione al ministro dell’Ambiente Orlando e al ministro dell’Interno Alfano per avere delle risposte sui siti inquinati di Roccarainola. I due deputati richiedono il monitoraggio e la bonifica di due aree ricadenti nel territorio del comune nolano, la prima compromessa dall’incendio di una fabbrica e la seconda già sequestrata per sversamenti illegali. Lo scorso 26 aprile un incendio divampato in un capannone, che produceva razzi di segnalazione e fuochi artificiali, ha causato la produzione di fumi potenzialmente tossici a causa della combustione dei materiali. «Chiediamo in primis ai ministri – dicono Manfredi e Scotto – di sapere se e quali interventi di monitoraggio siano stati approntati e messi in opera da parte delle autorità competenti rispetto agli eventuali danni prodotti dall’incendio». «Nel caso siano state operate- continuano- chiediamo quali siano le risultanze delle eventuali verifiche e se esista una corrispondenza formale con cui le amministrazioni locali e i vigili del fuoco abbiano informato le autorità sanitarie per le opportune analisi sul ciclo alimentare».

Il secondo sito a cui si riferiscono i due deputati è una porzione di territorio della località Difesa, adiacente al luogo dell’incendio, che è già stato oggetto di sequestro preventivo della procura della Repubblica di Nola nel 2001 dopo il riscontro di numerosi sversamenti illegali di rifiuti speciali e tossici da parte della criminalità organizzata e della conseguente compromissione di terreni e falde freatiche.
«Ad oggi- concludono Manfredi e Scotto – non risulta ancora essere stata avviata nessuna bonifica dei siti inquinati in località Difesa. Da qui la necessità di una risposta del Governo sul controllo e il recupero dell’intero territorio in questione, che fa parte della più ampia piana di Boscofangone, storicamente vocata ad attività agricole».

di Norma Gaetani

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *