Ecco come aiutare il Nepal / VIDEO

NAPOLI – Il Teatro di San Carlo e i suoi lavoratori insieme a Cgil, Cisl,Uil, e alle rappresentanze sindacali aziendali, dedicano la recita di mercoledì 6 maggio ore 20.30 di Luisa Miller e tutte le repliche fino al 10 maggio alle vittime del terribile terremoto che ha sconvolto il Nepal lo scorso 25 aprile, lanciando così un appello agli iscritti delle sigle sindacali Unitarie e al pubblico del Massimo napoletano per una gara di solidarietà a sostegno delle popolazioni colpite da questo devastante sisma, che ha coinvolto oltre 6 milioni e 600 mila persone e ne ha uccise oltre 4.300.
Dipendenti, iscritti alle sigle sindacali unitarie e tutto il pubblico di Luisa Miller saranno incoraggiati a fare offerte e donazioni al personale di AGIRE – Agenzia Italiana per la Risposta alle Emergenze e di Unicef Campania Onlus che sarà presente in sala durante lo spettacolo del 6 maggio e per tutte le repliche fino al 10 maggio. In particolare, per Unicef Campania Onlus interverrà anche la presidente Margherita Dini Ciacci.

Per raccogliere i fondi necessari alla realizzazione dei numerosi interventi per le popolazioni del Nepal, le diverse associazioni e organizzazioni non governative si stanno attivando anche attraverso raccolte fondi.

Save the Children ha lanciato in Nepal un massiccio intervento di soccorso attraverso un team di di oltre 500 operatori specializzati in emergenza impegnati da subito nella distribuzione degli aiuti. Ulteriori 136 tonnellate di beni di prima necessità stanno arrivando per via aerea nei prossimi giorni, compresa l’attrezzatura medica, mentre migliaia di coperte e teloni per i ripari d’emergenza stanno arrivando dall’India via terra.

Per sostenere l’aiuto di Emergenza di Save the Children in Nepal: numero verde 800988810 oppure www.savethechildren.it/nepal

Save the Children ha diffuso anche un video sugli aiuti e le interviste con una bambina e una mamma da Bhaktapur

L’Alto commissariato Onu per i rifugiati (Unhcr) ha fornito fino ad ora teloni impermeabili per assicurare un riparo per le vittime del terremoto, le cui case sono andate distrutte. In considerazione della mancanza di energia elettrica, l’Unhcr ha fornito anche lampade solari, Per sostenere le operazioni di emergenza dell’Unhcr in Nepal: conto corrente postale 298.000 (Causale Emergenza Nepal); IBAN IT84R0100503231000000211000 (Causale Emergenza Nepal). Numero verde 800 298 000;

Il Cbm ha invece dedicato particolare attenzione alla popolazione disabile, doppiamente colpita dal sisma e già in difficoltà per via delle condizioni sociali del Paese. Per sostenere gli interventi in corso del Cbm, si possono inviare offerte, indicando come causale “EMERGENZA TERREMOTO NEPAL”. Ecco come: c.c. postale 3012 intestato ad Amici dei Bambini; con bonifico bancario c/o BANCA PROSSIMA SPA su c/c intestato a Ai.Bi. Associazione Amici dei Bambini IBAN IT 77 D 03359 01600 100000122477; al telefono : con carta di credito, chiamando il numero 02/988221.

Sostenere circa 7 mila famiglie con set di beni non alimentari. E’ l’obiettivo di Plan Nepal che fin dai primi momenti post terremoto si è attivata nel paese asiatico con un piano d’emergenza. Plan Italia ha avviato lanciato un appello specificando che i fondi raccolti in Italia andranno direttamente nella sede di Plan Nepal e verranno utilizzati immediatamente.
Per aderire all’Appello lanciato da Plan Italia Onlus: conto corrente bancario Unicredit intestato a Plan Italia Onlus – Agenzia: Milano Cordusio IBAN: IT57X0200801600 000102081201 Causale: Emergenza Nepal. Conto corrente postale: 1008253153 intestato a Plan Italia Onlus. Causale: Emergenza Nepal.
Per contatti Plan Italia onlus: 039.6848701 email: info@plan-italia.org.

Le organizzazioni del network di Agire si sono mobilitate da subito per valutare i bisogni più immediati: acqua, cibo, ripari per le famiglie senza tetto, interventi sanitari. Quattro Ong del network (Actionaid, Cesvi, Oxfam, Sos Villaggi dei Bambini) sono già operative con i soccorsi nelle aree dove l’impatto del terremoto è stato peggiore.
Pertanto AGIRE lancia un appello di raccolta fondi per supportare gli interventi di prima emergenza a favore delle popolazioni colpite dal sisma. E’ possibile dare il proprio aiuto con una donazione ai seguenti canali: numero verde 800.132.870 (dal lunedì al venerdì dalle h.09.00 alle h.18.00); Banca: con bonifico bancario su conto corrente IBAN: IT64 R 03359 01600 100000060696 intestato ad AGIRE onlus, presso Banca Prossima, Causale: “Emergenza Nepal”; Posta: con bollettino postale sul conto corrente postale n. 4146579o bonifico postale al seguente IBAN: IT 79 U 07601 03200 000085593614, intestato ad AGIRE onlus, Via Aniene 26/A – 00198 Roma, Causale: “Emergenza Nepal”

AiBi – Amici dei Bambini è presente in Nepal dal 2006 con interventi che si concentrano nella Valle di Kathmandu, dove il numero dei bambini a rischio di abbandono e abbandonati è altissimo. In questa occasione Ai.Biha avviato immediatamente una raccolta di fondi per aiutare la popolazione. Per sostenere gli interventi in corso, si possono inviare offerte, indicando come causale “EMERGENZA TERREMOTO NEPAL”: Donazione on line; c.c. postale 3012 intestato ad Amici dei Bambini; con bonifico bancario c/o BANCA PROSSIMA SPA su c/c intestato a Ai.Bi. Associazione Amici dei Bambini IBAN IT 77 D 03359 01600 100000122477; al telefono:con carta di credito, chiamando il numero 02/988221.

La Caritas ha avviato immediatamente una raccolta di fondi per aiutare la popolazione. Per sostenere gli interventi in corso, si possono inviare offerte a Caritas Italiana, via Aurelia 796 – 00165 Roma, tramite C/C POSTALE N. 347013 specificando nella causale: “Asia/Terremoto Nepal”. Online, sul sito www.caritas.it.

Per l’emergenza, Unicef e Wfp Italia hanno lanciato un numero solidale per donare 1 euro da rete mobile e 2 euro da rete fissa. È possibile inviare un sms al 45596 da cellulare Tim, Vodafone, Wind, 3, PosteMobile e CoopVoce o chiamare lo stesso numero da rete fissa da Telecom Italia, Fastweb, Vodafone e Twt.

Lascia un commento