Il volontariato non va in vacanza, ma si sposta in spiaggia

l'estate_volontarBARI- Continua il viaggio itinerante del Centro di Servizio al Volontariato “San Nicola” e delle libere associazioni dei cittadini attivi che portano nelle piazze e nelle spiagge della provincia di Bari e Bat la bellezza e la forza della solidarietà. Dopo la prima tappa in Piazza del Ferrarese a Bari nel mese di giugno, il volontariato si sposterà all’ombra del Castello di Monopoli, a pochi passi dal mare, il 25 luglio dalle ore 18.00. All’evento, patrocinato dal Comune di Monopoli, saranno presenti il presidente del Csv “San Nicola”, Rosa Franco, e i rappresentanti istituzionali invitati. La quinta edizione di “Volontariato in Spiaggia” sarà una festa in cui le associazioni di volontariato comunicheranno attraverso la presentazione delle attività realizzate il peso del loro impegno all’interno della comunità. Si tratta della capacità di essere accanto ad una crescente fetta di popolazione in difficoltà, in maniera organizzata e operativa: dagli immigrati ai poveri, dai bambini e adolescenti disagiati ai disabili, dalle famiglie agli anziani e a chi soffre di forme di dipendenza. Ma anche abbracciando quelle problematiche proprie dei nostri tempi: l’ambiente, la cultura, la solidarietà internazionale, i diritti civili, la salute, il patrimonio storico e artistico. Le associazioni, inoltre, testimonieranno uno stile di vita fondato sulla partecipazione attiva alla costruzione del bene della comunità, a partire dai valori della solidarietà e del dono che soli possono rigenerare i rapporti di fiducia fondamentali per la costruzione di società coese e orientate a obiettivi sostenibili. Musica, balli e spettacoli, infine, contribuiranno a creare un clima di festa durante la giornata che si concluderà alle ore 21.00 con lo spettacolo di pizzica e taranta de “I Tamburellisti di Torrepaduli”, un gruppo che con il suo originale percorso artistico, maturato in tantissimi concerti dal vivo e con lezioni impartite ai giovani nelle scuole pubbliche e private, ha dato l’avvio alla dilagante rinascita della pizzica pizzica, come testimoniano sistematicamente tanti giornali locali e nazionali.

Lascia un commento