Un flash mob contro i maltrattamenti sugli animali

CASERTA. Con i calzini attaccati alle orecchie, i ballerini diventeranno tanti bracchetti pronti a gridare “no ai maltrattamenti sugli animali”. E’ questa la coreografia del flash mob che si terra il 21 dicembre, alle 20.30, contemporaneamente a Marcianise, Torino e Udine. In particolare, al Centro Commerciale Campania di Marcianise i partecipanti balleranno “Gangnam Style”, il successo del rapper coreano PSY, e racconteranno la storia di Ciupi, salvato dai ragazzi di Nati Liberi di Caserta, che vive con un proiettile di pistola conficcato nelle vertebre e non operabile perché rischierebbe la paralisi. Il flash mob è organizzato dai volontari di Pelosi Liberation Front, un movimento di 16mila sostenitori sparsi in tutta Italia ed in varie parti del mondo, che agisce in difesa degli animali maltrattati, a fianco dei volontari e delle associazioni territoriali.
Nella triste storia di Ciupi, che cammina, corre, gioca ma è affetto da un’incontinenza permanente a causa dell’incidente, poche settimane fa è arrivata Federica, appena 19 anni, che l’ha adottato nonostante non abbia grosse disponibilità economiche. Oltre alla vicenda di Ciupi, il Pelosi Liberation Front farà conoscere la storia di Carmelino, trovato raggomitolato tremante in un cespuglio dai ragazzi della Lida Olbia, ed affetto da diverse le malattie possibili. Quella di Topolino, un randagio di quartiere finito in balia di un gruppo di bulli che lo ha ridotto in fin di vita pestandolo per una notte intera e che attualmente deve sottoporsi a tre interventi chirurgici. E, purtroppo, tante altre storie di maltrattamenti sui animali indifesi.

di Mirella D’Ambrosio

Lascia un commento