Welfare, Cultura e Imprenditoria sociale: 180.000 euro per il Centro Storico di Napoli

NAPOLI – Coinvolgere la comunità per costruire insieme nuovi percorsi di welfare migliorando la vivibilità del Centro Storico di Napoli e aiutare le fasce deboli del territorio sono gli obiettivi del nuovo bando “Insieme, un Welfare di Comunità”, promosso dalla Fondazione di Comunità del Centro Storico di Napoli, presieduta da Adriano Giannola e realizzato grazie al sostegno della Fondazione con il SUD.

Il bando, presentato mercoledì 22 novembre presso la sede della II Municipalità dal Presidente Giannola e da Francesco Chirico, Presidente della II Municipalità di Napoli, mette a disposizione la somma di 180.000 € per realizzare progetti che dovranno interessare la zona compresa nella II, IV e VI Municipalità del Comune di Napoli.

“Questo bando va nella direzione di avviare la sperimentazione di metodologie e strumenti innovativi nei processi di welfare. Azione che ritengo le Fondazioni territoriali hanno il dovere di perseguire per sopperire alla riduzione di trasferimenti e contribuzioni. Un esperimento tra i primi in Italia e che mi onora si sviluppi a Napoli” spiega il Presidente Adriano Giannola.

L’intento del bando è di coinvolgere i soggetti presenti sul territorio, sia in forma singola che in rete, fra Associazioni, Cooperative o Consorzi sociali, Enti ecclesiastici, Fondazioni, Imprese sociali e anche Comitati di cittadini, che possano confrontarsi, partendo dai loro singoli progetti, nella sperimentazione di attività concrete e condivise in un’ottica generativa.
Il concetto di «welfare generativo», introdotto dalla Fondazione Zancan nel 2012, ridefinisce le condizioni per operare nel welfare riducendo le pratiche assistenzialistiche ed al contempo valorizzare le capacità individuali ed investire in nuova socialità. Adottando tale approccio, avviene un profondo mutamento nella prospettiva culturale di intervento nel sistema del welfare per cui i trasferimenti economici devono diventare investimenti ed i costi legati all’attivazione delle iniziative sociali devono trasformarsi in rendimenti. Un’ottica nella quale tutti possono concorrere alla costruzione di un sistema di benessere diffuso e dove ogni intervento ne attiva altri.

L’azione della Fondazione di Comunità del Centro Storico di Napoli si è, infatti, sempre mossa nella direzione dello sviluppo della Comunità e della costruzione di reti territoriali, considerando che la prima e più efficace risposta all’attuale crisi dei sistemi di welfare sia determinata più che da un incremento delle risorse, da un necessario ripensamento delle modalità del loro utilizzo e quindi dall’essere presenze attive su un territorio.

Tre i temi di intervento che la Fondazione di Comunità del Centro Storico di Napoli ha dedicato al bando, a cui le proposte progettuali dovranno ispirarsi scegliendo fra: Welfare, in cui rientrano attività che non siano sostitutive dell’intervento pubblico e a favore di persone con disagi sociali; Cultura, rivolto a valorizzare e a migliorare la fruizione dell’enorme patrimonio culturale presente nel centro storico di Napoli; Imprenditoria Sociale, che riguarda le attività di start up o di rafforzamento di imprese sociali presenti o operanti nell’area del Centro Storico di Napoli.
Tutti i progetti dovranno riguardare una proposta di attività che l’organizzazione intende sviluppare e che dovrà coinvolgere esclusivamente una o più delle seguenti categorie di beneficiari: minori e adolescenti, anziani, disabili fisici o psichici, senza fissa dimora, persone in condizione di povertà, o interessare e promuovere attività a favore della migliore vivibilità del territorio.

Cinque le idee che saranno selezionate per ciascun tema, su cui la Fondazione intende investire in un ampio percorso di pensiero e di intervento. I progetti scelti saranno, infatti, accompagnati in una seconda fase di formazione sui temi del welfare generativo, con l’obiettivo di costruire un progetto comune per ogni area che, partendo dalle idee di ognuno, riesca a dare forma ad una nuova idea che le ricomprenda e presenti il valore aggiunto dell’essere pensato insieme.
La domanda di partecipazione dovrà essere inviata entro il 31 gennaio 2018 tramite mail all’indirizzo fondcomnapoli@pec.it

Il Bando completo e tutte le informazioni sul sito www.fondcomnapoli.it.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *