Emergenza sangue, appello alle associazioni

LECCE. Emergenza sangue nell’ospedale Vito Fazzi. A causa del fisiologico calo dei donatori nel periodo estivo nel nosocomio di Lecce si ha difficoltà a reperire sangue per i pazienti bisognosi e per le urgenze. A parlarne e a lanciare l’allarme alle associazioni di volontariato Avis, Fratres e Fidas, è stato il direttore del Centro trasfusionale, Ferdinando Valentino, che ha spiegato nei giorni scorsi che i medici sono stati costretti a sospendere le operazioni chirurgiche di elezione, ossia gli interventi programmati e le terapie trasfusionali dei reparti medici che non rivestono estrema urgenza.
“Abbiamo bisogno di nuove sacche di tutti i gruppi sanguigni (soprattutto di tipo “0” e “A” per far rientrare l’emergenza” – ha affermato il direttore. L’attività chirurgica è ricominciata dal 20 agosto scorso, inoltre, all’interno dell’ospedale ci sono fasce di pazienti affetti da malattie ematologiche croniche, come ad esempio i talassemici che hanno continuo bisogno di trasfusioni di sangue. Al Fazzi ci sono circa settanta pazienti che curano la Talassemia, per loro sono necessarie quasi quaranta sacche di sangue al giorno. “Purtroppo il numero dei donatori è invariato, rispetto ad una crescente richiesta di trasfusioni – ha continuato il direttore -. Abbiamo chiesto l’aiuto anche agli altri servizi trasfusionali, a livello regionale e nazionale, ma sembrano avere tutti lo stesso problema”. Per rispondere all’emergenza a breve partirà una programmazione delle attività donazionale, così come le giornate della raccolta anche nelle scuole.  Al “Vito Fazzi” si può donare ogni giorno, dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 12.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *