Emergenza clochard, parte l’assistenza. È gara di solidarietà

NAPOLI. Sono due le unità mobili messe a disposizione dal Csv (Centro Servizi per il Volontariato) di Napoli per fronteggiare l’emergenza freddo di questi giorni e garantire l’assistenza ai clochard della città. Oltre a “Dudù” (acronimo di Dichiarazione Universale dei Diritti Umani), il camper del volontariato, ci sarà un altro furgone che, da stasera alle 19,30, farà tappa a piazza Garibaldi, piazza Mercato, piazza Cavour e via Gianturco. Decine di volontari, assieme ai giornalisti di Comunicare il Sociale e agli operatori del Csv, distribuiranno ai senzatetto pasti caldi e coperte. L’assistenza continuerà anche sabato e domenica mentre lunedì le associazioni si confronteranno con il Comune di Napoli per coordinare tutti gli interventi della settimana.

I RISTORATORI. Sono numerosissime le adesioni pervenute all’appello lanciato da Comunicare il Sociale e Corriere del Mezzogiorno. L’associazione “Prima Persona”, presieduta dal vicepresidente del Parlamento europeo Gianni Pittella, ha donato 400 coperte. Altre 250 coperte sono state messe a disposizione dall’Esercito Italiano. I ristoranti Kyros Food del Centro Direzionale e Gastrom di via Diocleziano hanno invece preparato i pasti caldi, che si aggiungono a quelli della pizzeria Sorbillo. Decine anche le associazioni di volontariato coinvolte. Tra queste: la Confraternita della Misericordia, i cui volontari presiederanno le stazioni della metropolitana aperte di notte dal Comune di Napoli; il gruppo dei Volontari del Soccorso di Napoli della Croce Rossa Italiana che ogni mercoledì sera, con l’ausilio di altri Volontari della provincia, assicura assistenza alimentare e sanitaria per strada con raccolta di razioni-pasto; le associazioni “Gli occhi di Claudio” di Torre del Greco e “la Locomotiva onlus”.

ASSISTENTI SOCIALI. Una parte degli assistenti sociali del Comune di Napoli, vincitori di un recente concorso, ha invece rinunciato ai propri buoni pasto per i clochard (qualcuno ha anche donato dei soldi per consentire l’acquisto di generi di assistenza) mentre molti nuclei di Protezione civile sono pronti ad allestire cucine da campo nelle strade della città, se sarà necessario. Dal direttore di Comunicare il Sociale, Luca Mattiucci, l’appello ai ristoratori: “Continuate a scriverci a redazioneweb@comunicareilsociale.com dando la vostra disponibilità a offrire pasti anche la settimana prossima. Grazie, invece, ai tanti volontari che hanno chiesto di accompagnarci”.

PER SAPERNE DI PIU’

LE ASSOCIAZIONI:

http://www.misericordie.it/

http://www.cricampania.it/

http://www.primapersona.eu

http://www.lalocomotivaonlus.org/

http://gliocchidiclaudio.org/

LE ISTITUZIONI

http://www.comune.napoli.it

http://www.esercito.difesa.it 

di Francesco Gravetti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *