LA SCUOLA PIU’ GRANDE D’ITALIA È AI QUARTIERI SPAGNOLI DI NAPOLI

La scuola più “grande” d’Italia, ovvero la “Scuola Diffusa – Quartiere Educante”- le cui aule sono diffuse nei vicoli nell’intero, popoloso e difficile quartiere di Napoli- è un progetto selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e promossa dall’impresa sociale “Dalla Parte dei Bambini – DPDB”, giunge al traguardo del suo primo anno di sperimentazione

Martedì 4 giugno alle ore 10.00, alla presenza del Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio dei Ministri Stefano Buffagni, Presidente del Fondo per il contrasto alla povertà educativa (che sara a Foqus, via di Portacarrese a Montecalvario 69 a partire dalle ore 9.00), i 12 alunni della prima classe della Scuola media sperimentale napoletana, protagonisti del progetto, saranno nei vi-coli dei Quartieri spagnoli per consegnare agli 11 artigiani “maestri di vita” un attestato di ringra-ziamento per il lavoro svolto nel corso dell’anno scolastico che si sta per concludere. Durante l’anno scolastico, infatti, gli 11 artigiani che hanno aderito all’iniziativa sono diventati, per diverse ore, essi stessi insegnanti, facendo delle loro botteghe altrettante aule temporanee per le lezioni dei bambini accompagnati dai docenti della scuola.

A loro il merito di aver svelato ai bambini, attraverso il loro lavoro, argomenti e leggi che hanno in-tegrato le lezioni svolte dagli insegnanti. Nelle molte aule diffuse nel quartiere che i bambini hanno frequentato ogni mattina, il programma della scuola si è arricchito dei saperi di panettieri, verdurai, artigiani, tecnici della Municipalità. Gli alunni hanno appreso i principi della chimica dalle ragioni della lievitazione del pane o della cottura dei cibi, regole della matematica tramite i calcoli del taglia e cuci, il ciclo delle stagioni e la crescita di piante e frutta visitando i negozi di frutta e verdura, il funzionamento di apparati e meccanismi tecnici nei magazzini di riciclo o negli uffici tecnici co-munali.

Oltre all’attestato, agli artigiani saranno consegnate le copie di “Primo diario di viaggio della Scuola Diffusa”, il giornalino che gli alunni hanno scritto e pubblicato alla fine di questo primo anno di scuola.

Protagonisti dell’iniziativa l’ombrellaio Talarico, la risotteria Valù, la farmacia Romano, la sartoria “E sartulelle”, la legatoria Stumpo, la pasticceria Ranaldi, il fruttivendolo Scognami-glio, la trattoria da Concetta, la fabbrica di cioccolato La Dolcezza degli Dei, il Ristorante Piz-zeria Mattozzi e la Miniera ‘Riciclarte’. Accompagneranno gli alunni, tra gli altri, Rachele Fur-faro, Presidente di Foqus e direttrice di Dalla Parte Dei Bambini, il Direttore di Foqus Renato Quaglia, la coordinatrice della scuola Maria Fortuna Incostante, l’assessore alle Politiche Sociali e Giovanili della Seconda Municipalità di Napoli Susy Cimminiello, gli insegnanti e i laboratoristi che hanno costruito i loro programmi educativi cooperando con molta parte del quartiere.

“La Scuola Diffusa ha coinvolto gli adulti e gli artigiani dei Quartieri Spagnoli – afferma Rachele Furfaro – chiedendo loro di assumersi una nuova responsabilità: partecipare all’educazione di bambini del quartiere, mettendo a disposizione spazi e competenze che assumono per tutto il quartiere un valore nuovo, non solo commerciale o produttivo, ma anche educante. Il processo di apprendimento si innesca quando l’esperienza alimenta il proprio vissuto e va a sedimentare quel bagaglio di competenze utili a risolvere piccoli e grandi quesiti. A partire da questo vissuto, il bam-bino deduce teorie anche impegnative, che sarebbero rimaste astratte, se affidate alle modalità tradi-zionali di insegnamento. La prima classe della Scuola media sperimentale – aggiunge Furfaro – è stata adottata dall’intero quartiere. I bambini durante l’anno scolastico hanno frequentato le aule tradizionali nell’edificio di Foqus, ma ogni giorno uscivano per raggiungere, insieme ai loro inse-gnanti, altre aule, dove trovavano altri insegnanti, inusuali ma competenti nelle loro materie. È stato importante vedere ogni giorno la classe che attraversava i vicoli, entrava in botteghe e negozi, di-scuteva e imparava dai nuovi maestri, raggiungeva altre aule e riconduceva i saperi acquisiti nelle aule tradizionali… Un’esperienza e un messaggio per tutti”. E conclude: “Saranno i bambini a sal-vare il mondo, come scriveva Elsa Morante”.

‘Scuola Diffusa – Quartieri Spagnoli Quartiere Educante’

è una sperimentazione volta a contrastare gli altissimi tassi di dispersione scolastica nel territorio (i più alti del Paese). La novità di questo modello unico in Italia arricchisce gli insegnamenti ‘tradi-zionali’ della Scuola Secondaria di primo grado. I giovani, infatti, oltre al percorso di studi in classe, hanno frequentato le cosiddette ‘aule diffuse’, spendendo circa 80 ore di lezione nelle botteghe degli artigiani che hanno aderito al progetto. Un modo per contribuire alla rigenerazione urbana dei Quartieri Spagnoli, riscoprendo le potenzialità educative di chi qui vive e lavora.

Il progetto, inoltre, ha previsto anche molte attività collaterali: laboratori teatrali e musicali, un la-boratorio ecologico presso la Vigna di San Martino, visite alla Municipalità, luoghi d’arte e mo-stre promosse in città.

Scuola Diffusa – Quartieri Spagnoli Quartiere Educante’ è stato selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile. Il Fondo nasce da un’intesa tra le Fondazioni di origine bancaria rappresentate da Acri, il Forum Nazionale del Terzo Settore e il Governo. Sostiene interventi finalizzati a rimuovere gli ostacoli di natura economica, sociale e culturale che impediscono la piena fruizione dei processi educativi da parte dei minori. Per attuare i programmi del Fondo, a giugno 2016 è nata l’impresa sociale Con i Bambini, organizzazione senza scopo di lucro interamente partecipata dalla Fondazione CON IL SUD. www.conibambini.org”