Napoli si mobilita per Gabriele, tutti in piazza per trovare un donatore di midollo compatibile

Gabriele: tutti in piazza

NAPOLI – Gara di solidarietà per Gabry, il piccolo di 19 mesi affetto dalla sindorme di Sifd, che abbassa le difese immunitarie e provoca febbre alta.

Venerdì 24 maggio i volontari dell’Admo, Associazione donatori midollo Osseo, danno appuntamento in piazza Dante dalle 9 alle 20 per i test salivari con i tamponi. L’obiettivo è trovare un donatore compatibile per permettere al “Little Hero’’, come è stato soprannominato il piccolo, di avere un trapianto di midollo osseo. Eventi simili a Napoli (e non solo) si tennero per Alex, che riuscì ad avere un trapianto di midollo grazie al padre. Gabriele è spesso ricoverato all’ospedale Niguarda di Milano, città dove vive con papà Cristiano, mamma Filomena e la gemellina eterozigote B., dovendo affrontare le sofferenze dovute a vomito, diarrea e febbre anche oltre i 40 gradi. La Sifd, l’Anemia sideroblastica, è una sindrome talmente rara che i casi in tutto il mondo sono appena 20 e quello di Gabriele è l’unico in Italia.

«Invitiamo tutti quelli che possono a venire in piazza Dante a donare – è l’appello di Monica, la zia di Gabriele – La nostra battaglia non è solo per Gabry ma di tutti coloro che soffrono di patologie rare. Attualmente le pur importanti cure dei medici sono di contenimento e mio nipote può salvarsi soltanto con un trapianto di midollo osseo».

Gabriele, fra le altre cose, è nato senza la possibilità di sentire, con l’udito garantito ora soltanto grazie ad un apparecchio acustico fornitogli dai medici dopo un’operazione. 

di Antonio Sabbatino