Forcella come la Sanità, al via il progetto di riqualificazione urbana. Primo step un centro aggregativo per bambini

NAPOLI- L’idea è quella di replicare il modello virtuoso che L’Altra Napoli Onlus ha realizzato al rione Sanità di Napoli, dove negli ultimi 12 anni sono stati investiti oltre 5 milioni di euro, realizzando progetti a beneficio di oltre 1000 giovani del quartiere. Con questi presupposti nasce “Forcella Alla Luce del Giorno” il nuovo progetto di riqualificazione promosso dall’associazione L’Altra Napoli Onlus. L’ampio progetto di recupero “Forcella Alla Luce del Giorno”, inizia con la riqualificazione di una ex vetreria di 630 metri quadri divisa su due livelli: si tratta di uno spazio abbandonato da oltre 20 anni situato in via delle Zite. Dopo una completa ristrutturazione, già in corso e che terminerà entro l’estate, nascerà La Casa di Vetro, un progetto selezionato da Con i Bambini nell’ambito del Fondo per il contrasto della povertà educativa minorile e cofinanziato da Fondazione Peppino Vismara e Fondazione BNL – Gruppo BNP Paribas, un luogo destinato a diventare un punto di aggregazione sociale per giovani del quartiere e di contrasto alla devianza giovanile. La Casa di Vetro sarà un simbolo del riscatto dell’intera Forcella, dove sarà disponibile uno spazio polifunzionale per bambini e famiglie, un centro di aggregazione, un doposcuola, un polo di educazione musicale e per attività ricreative; ci sarà anche la possibilità di avviare corsi di formazione per giovani e donne.  

L’ANALISI- Nell’area urbana di Forcella il tasso di disoccupazione è pari al 68% con punte ancora più elevate tra i giovani. Il 66% della popolazione ha solo licenza elementare e il tasso di abbandono scolastico è superiore al 30%. A questi dati, si aggiungono  la mancanza di spazi verdi e servizi pubblici. L’associazione, quindi, ha deciso di far partire la nuova iniziativa in un altro contesto molto difficile: «Siamo convinti – ha spiegato  Ernesto Albanese fondatore e presidente de L’Altra Napoli Onlus – che ci sia un immenso patrimonio storico e sociale umano su cui costruire un percorso di riscatto e sviluppo. Da questi presupposti nasce il progetto Forcella Alla Luce del Giorno, un intervento di recupero urbano e sociale che coinvolgerà l’intero quartiere».

FUNDRISING- Per questo primo intervento, La Casa di Vetro, sono stati raccolti 1.300.000 euro grazie al contributo di Impresa Sociale Con i Bambini, Fondazione Peppino Vismara e Fondazione BNL –  Gruppo BNP Paribas. A sostenere l’impegno anche CIS – Interporto Campano, GESAC e UniCredit, attraverso il suo programma di Social Impact Banking finalizzato a finanziare e a promuovere iniziative con impatto sociale positivo. Partner tecnici sono: Ecopneus che ha donato pavimenti, Gruppo Feltrinelli, FutureBrand che ha creato la strategia e la brand identity del progetto, Fondazione IBM, Neosia, Trend, SCIUKER e Siram by Veolia. Ad accompagnare le attività del progetto ci saranno l’associazione Amici di Carlo Fulvio Velardi che si occuperà della parte educativa, l’Istituto Toniolo per le attività di sostegno alla genitorialità, la Parrocchia di Santa Maria Egiziaca, l’associazione Sanitansamble per la parte musicale e il dipartimento di Scienze Politiche Federico II per il monitoraggio dell’impatto sociale. «Per contrastare l’abbandono scolastico – ha proseguito Albanese – promuoveremo attività di recupero di ragazzi e di famiglie disagiate, creando imprese sociali legate al turismo e all’artigianato, valorizzando il patrimonio storico artistico e le tradizioni culturali del luogo e il talento dei giovani. Verranno ripristinati spazi abbandonati da destinare ad attività sociali ed economiche. Ciò anche grazie a risorse e competenze di organizzazioni no profit già attive sul territorio e, naturalmente, facendo tesoro dell’esperienza maturata nel vicino rione Sanità».