#GivetheBeat, un gesto di solidarietà per i bambini cardiopatici

MILANO- E’ una questione di cuore. 33 bambini con il cuore gravemente malato aspettano di essere operati. Unisciti a Mission Bambini, batti un colpo e fai ripartire il loro cuore. Fondazione Mediolanum raddoppierà la tua donazione. Elvis è il nome del primo bambino cardiopatico operato: era il 2005 e lui aveva 8 anni. Dopo l’operazione aveva una cicatrice di 20 cm, ma sopra svettava il suo sorriso, segno della vittoria contro la malattia. Adesso è un ragazzo adulto, vive in Zimbabwe e gode di ottima salute. Dopo Elvis più di 1.760 cuori continuano a battere grazie all’impegno di Mission Bambini a sostegno del programma “Cuore di bimbi”. Ma ci sono ancora tanti bambini che nascono nei Paesi più poveri con una grave cardiopatia e destinati a morte certa se non si interviene tempestivamente. Per questo l’anno scorso è nata la campagna di crowdfunding #GivetheBeat sulla piattaforma di Rete del Dono, perché in questo modo tutti possono fare la differenza se lo vogliono realmente. Grazie ai fundraiser, gli heartbeater, e a tutti coloro che hanno partecipato con una donazione, l’anno scorso sono stati raccolti 54.735 euro (tra donazioni arrivate direttamente online su Rete del Dono e donazioni offline con bonifico bancario), che nell’arco di quest’anno hanno permesso di operare e salvare 36 bambini malati di cuore.

Nel 2017 altri 33 bambini aspettano di essere salvati con #givethebeat. I medici volontari hanno identificato i 33 casi più urgenti: sono bambini che vivono in Birmania, Cambogia, Eritrea, Etiopia, Kenya, Somalia, Uganda, Zimbabwe. Per questo la campagna di crowdfunding #Givethebeat è ripartita nei giorni scorsi, con un obiettivo ambizioso: raccogliere 50.000 euro entro l’8 gennaio per salvarli tutti! Il costo medio di un’operazione al cuore nei Paesi in cui Mission Bambini interviene è di circa 1500 euro. Anche tu puoi contribuire a salvarli tutti: fai la tua donazione e ricevi subito la tua ricompensa. Scopri come su givethebeat.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *