“Passaggi” è la personale di Fabrizio Landini, artista autistico

fabrizio-landini

MILANO – L’arte è capace di aprire il cuore e la mente: “Passaggi” è la prima mostra personale di Fabrizio Landini, 21enne affetto da autismo, sarà inaugurata venerdì 16 settembre all’Hotel Bristol a Milano, in via Domenico Scarlatti 32. Sono soprattutto acquerelli, ma anche acrilici, le quindici opere in mostra selezionate tra quelle realizzate dall’artista negli ultimi due anni, periodo in cui la sua creatività e la sua ricerca espressiva sono cresciute in maniera significativa, anche grazie al supporto di professionisti del settore. Si tratta di opere astratte, fortemente incentrate sulla forza espressiva del colore, che non negano talvolta la presenza di forme e suggestioni oniriche o naturalistiche.

IL PERCORSO ARTISTICO – Il percorso di Fabrizio Landini comincia in età infantile come attività istintiva e stimolata nel percorso didattico, crescendo trova nel linguaggio pittorico un vero e proprio mezzo e spazio per una comunicazione priva di ostacoli. Gli spazi, gli strumenti e i supporto professionali sono stati fondamentali in questa evoluzione, possibili anche grazie al lavoro dell’Associazione l’Ortica di Milano, da sempre attiva a fianco degli adolescenti affetti da autismo. L’Associazione di promozione sociale e solidarietà familiare L’Ortica ha tra i suoi scopi statutari il miglioramento della qualità di vita dei ragazzi adolescenti con autismo e altre disabilità. Ciò attraverso una reale presa di coscienza delle abilità dei ragazzi, del loro valore unico, dei loro talenti e del loro essere uno strumento di sviluppo indispensabile ed irripetibile per le comunità in cui vivono. L’Associazione è attiva a Milano nella sede di via Sant’Erlembaldo 4. Alla mostra sarà possibile conoscere le attività e i progetti dell’Associazione l’Ortica, sempre nel segno di attività inclusive che valorizzino le capacità delle persone affette da autismo o con disabilità.

PER SAPERNE DI PIU’
Visita il sito dell’Associazione L’Ortica

 

I

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *