Disabilità, sport e scuola: l’impegno della regione

ROMA – “La Disabilità Sportiva nelle scuole del Lazio” è la manifestazione in programma a Roma, nell’Istituto comprensivo Giuseppe Parini in occasione della settima giornata regionale paralimpica. L’iniziativa è organizzata dal Comitato Paralimpico della Regione Lazio e dall’Istituto Comprensivo,  Giuseppe Parini con il sostegno della Direzione Regionale INAIL del Lazio e con il patrocinio del X Municipio di Roma Capitale, dell’Ufficio Regionale Scolastico della Regione Lazio, per sottolineare quanto lo sport sia capace di unire le persone, concependo la diversità non più come una barriera ma come punto di partenza per costruire il proprio percorso di vita. Sport e scuola sono vettori di integrazione e condivisione, due grandi strumenti di crescita culturale e sociale. Questo è il messaggio che la manifestazione vuole trasmettere ai giovani ragazzi delle scuole interessate ed a quanti interverranno nella giornata.

Si parte alle 9 con il c0nvegno nella palestra dell’istituto per poi passare,  alle 11 spazio alla pratica con le esibizioni del wheelchair rugby in carrozzina, tennistavolo, tiro con l’arco, scherma non vedenti, sitting volley, calciobalilla e simulatore della vela. I tecnici e le società delle federazioni paralimpiche consentiranno ai ragazzi di provare le varie discipline presenti e di mettersi alla prova, creando un ambiente di integrazione e di sano confronto per trasmettere quanto lo sport possa migliorare la vita fisica e psicologica. Questa manifestazione Regionale vuole essere una continuazione di un progetto in cui protagonista è l’attività sportiva dei disabili, per far capire quanto lo sport aiuti a superare molte barriere, perché chi pratica lo sport torna a vivere, e non rappresenta più un peso economico per la società. “Sarà una giornata educativa, di festa e di grande integrazione per insegnare quanto lo sport renda tutti uguali, senza differenze ma opportunità alla pari” ha sottolineato il Presidente CIP Lazio Pasquale Barone.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *