Auto, caro-consumi: interviene CODICI a tutela dei cittadini

BENZINA: ANCORA POLEMICHE CONSUMATORI, +22 EURO A PIENOROMA – Le nostre auto consumano più di quanto dichiarato dalle case madri? Alcune ricerche confermano quella che è più di un’intuizione di qualche automobilista. Secondo uno studio europeo che ha analizzato i consumi di 500 mila auto, la differenza rispetto ai valori indicati è intorno al 38%. DA qui la scelta di CODICI di scendere al fianco dei consumatori. Esistono fra le rilevazioni molte discrepanze perché per l’eco-test dell’Adac (club automobilistico d’Europa con oltre 18 milioni di membri) l’aumento è del 25% per i veicoli ibridi, del 9% per le auto alimentate a gas naturale, 14% per i veicoli diesel, 11% per il Gpl e 10% a benzina. Negli ultimi anni questo differenziale si è divaricato in misura esponenziale: se nel 2001 lo scostamento medio si posizionava entro il 10%, nel 2011 era passato al 25% e oggi raggiunge picchi intorno al 50%. CODICI ritiene che la case utilizzino modelli alleggeriti durante i test (sembra che non siano istallati i  condizionatori). «La nostra associazione – dichiara Ivano Giacomelli, Segretario Nazionale CODICI – lancia una campagna per accertare, grazie agli stessi consumatori, se il mezzo acquistato consuma quanto dichiarato o se il dato risulta distorto. CODICI intende promuovere una azione collettiva contro quelle case che risulterà abbiano falsato in maniera importante i consumi dal momento che quest’ultimo e’ uno degli elementi di valutazione che indirizza la scelta d’acquisto del consumatore».

Per il Codice del Consumo e il Codice civile, chiunque acquisti un bene di consumo per utilizzo privato ha diritto a ricevere un esemplare che sia fedele a vari parametri, tra i quali le dichiarazioni pubbliche: se si riscontra un difetto di conformità è infatti possibile richiedere un rimborso parziale del prezzo pagato. «L’obiettivo dell’azione collettiva – afferma Giacomelli – sarà richiedere un risarcimento del danno per i maggiori costi sostenuti alla pompa di benzina. Già negli Stati Uniti la Ford ha risarcito circa 200.000 clienti per colpa della spesa dal benzinaio  maggiorata rispetto alle cifre preventivate. Il rimborso ottenuto dai consumatori americani è stato da  un minimo di 200 a un massimo di 1.050 dollari». «Avvieremo un’azione capillare su tutto il territorio – dichiara Stefano Gallotta Coordinatore del progetto –  affinché le case produttrici si responsabilizzino sulla necessità di dare ai consumatori informazioni chiare e trasparenti». Anche le sedi territoriali della campania di CODICI offriranno la massima collaborazione a tutti quegli automobilisti che vorranno partecipare a questa prima azione collettiva di massa, mettendo a disposizione gli sportelli per qualunque informazione e per promuovere iniziative sul territorio.  CODICI invita quindi tutti gli automobilisti interessati a segnalare le differenze rilevate tramite l’invio di una mail all’indirizzo consumiauto@CODICI.org.

 

di Danila Navarra

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *