Da Scampia al Mali: il sogno di Dada Traorè

02NAPOLI. Dada Traorè, ingegnere ivoriano di 30 anni, a dicembre era stato brutalmente picchiato da cinque persone al Corso di Secondigliano di Napoli, ma non ha smesso di lottare per la sua terra. Da questo triste evento è nato il progetto “Orti Antonia” promosso dallo chef campano Pietro Parisi e dalle Fattorie Vodisca, gestite dall’associazione Voci di Scampia. Una storia che comincia con la violenza, ma che si trasforma positivamente con l’acquisto di un ettaro di terra a Bamako, capitale del Mali, per produrre cacao e sostenere la popolazione locale attraverso la costruzione di pozzi d’acqua potabile. Il progetto sarà gestito dallo stesso Dada Traorè che dopo 7 anni tornerà in Africa con partenza e festa di saluto fissata per il 7 settembre presso la Scuola Calcio Arci Scampia. «Un sogno che si realizza – racconta Dada Traorè – dopo 7 anni rivedrò i miei figli. Napoli non è razzista e Pietro Parisi con Vo.di.Sca lo stanno dimostrando».

Uno dei più grandi chef italiani investe nell’agricoltura africana per sperimentare nuove colture e si prevede che il progetto darà lavoro a cinque persone. Oltre al cacao e alla frutta locale (mango e avocado), verrà realizzato anche un pollaio per produrre uova biologiche. Pietro Parisi è uno dei massimi esponenti della cucina campana e da anni si impegna per promuovere i prodotti locali in Italia e nel mondo. Da poco cuoco anche in Oman, è il gestore del ristornate di Palma Campania “Era Ora”. «Non è un progetto di carità, ma una vera e propria cooperazione internazionale –  dichiara lo chef Parisi – per dare la possibilità di creare qualcosa di concreto partendo da poco».

Oltre alla produzione, partiranno tanti progetti di utilità sociale curati da Vo.di.Sca che già gestisce a Chiaiano una fattoria di due ettari e mezzo. L’idea è quella di creare un ponte tra l’Africa e Scampia con due fattorie gemelle che si sostengono reciprocamente. È già in costruzione un campo di calcio a 5 per i bambini del posto, progetto sostenuto e dedicato alla Scuola Calcio Arci Scampia. Nei prossimi mesi si getteranno le basi per un ambulatorio popolare gratuito specializzato nella cura della dissenteria e della malaria.

di Stefania Melucci

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *