“Up to youth”, start up per giovani imprenditori

NAPOLICONF2. Supportare e assistere i giovani imprenditori nel realizzare i propri sogni nel cassetto. Questa l’idea alla base di “Up to youth”, progetto presentato questa mattina presso la sala Giunta di palazzo S. Giacomo. L’iniziativa, realizzata con il sostegno di J.P Chase Morgan, si avvale della collaborazione del Comune di Napoli, Confartigianato, la società italiana “PerMicro” e “PerMicroLab” onlus. Hanno presenziato alla conferenza, Alessandra Clemente, assessore ai Giovani, Politiche giovanili, Enrico Inferrera, presidente di Confartigianato Napoli, Andrea Limone, amministrattore delegato di “PerMicro” e “PerMicroLab” ed Enrico Panini assessore al Lavoro e allo Sviluppo delle attività produttive. UV

A FAVORE DEI GIOVANI- “Up to youh” è un percorso indirizzato ai giovani determinati nel seguire le proprie passioni. Troppo spesso, infatti, l’entusiasmo iniziale per l’avvio di un’ attività, è seguito da un percorso burocratico per niente facile. «I dati della camera di commercio di Napoli- spiega Enrico Inferrera- dimostrano che c’è una grandissima presenza sul mercato di imprese giovanili. Statisticamente, però, si è riscontrato che queste muoiono nei primi anni di vita per svariate ragioni». Il percorso, del tutto gratuito, prevede, una prima fase formativa con tre incontri pomeridiani che si terranno presso gli uffici di Confartigianato Napoli. Durante questo primo ciclo, i giovani si cimenteranno nella realizzazione di un proprio business plan attraverso il laboratorio “StarUpLab”. Il secondo step prevede la consulenza gratuita offerta da professionisti in creazione d’impresa, che metteranno a disposizione le proprie competenze per garantire un supporto iniziale. La fase conclusiva riguarderà, invece, l’accompagnamento e supporto delle imprese nascenti con la collaborazione degli esperti di “PerMicroLab”. « E’una sorta di “istigazione” all’impresa- dichiara Andrea Limone – il progetto nasce per stimolare l’iniziativa imprenditoriale, un modo per far si che i giovani riprendano la voglia e la volontà di sviluppare un attività imprenditoriale, facendo della propria passione e competenza personale un lavoro, un reddito. Vogliamo aggiungere un pezzetto di speranza in più- conclude Limone- a chi ci vuole provare dandosi un’opportunità».

CONCRETIZZARE SI PUO’ – «Credo e crediamo fortemente in “Up to youth”- ha spiegato l’assessore Alessandra Clemente- troppo spesso ci sono ragazzi che non devono sentirsi un problema da gestire bensì una risorsa importante per la società. Ecco, quindi, l’idea di poter dare loro delle competenze, delle basi solide per formarli. Questo progetto – conclude l’assessore- permette ai ragazzi della città di Napoli di avere delle fondamenta solida, consulenza, assistenza grazie all’ausilio di partner importanti».

di Sabrina Rufolo

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *