“Incontriamo le diversità”, al via i seminari

libriNAPOLI- Si terranno giovedì 21 marzo e lunedì 25 marzo, presso la Sala Consiliare del comune di Sant’Antimo,  i due incontri-presentazione organizzati nell’ ambito del progetto” BiblioTecasa”. L’ iniziativa, che rientra nel modulo “Incontriamo le diversità”, vuole promuovere la conoscenza tra le culture attraverso seminari sulle diversità di genere, sociali, politiche e culturali.

GLI INCONTRI – Il primo appuntamento si svolgerà giovedì 21 marzo alle ore 17.00. Coordinatori dell’incontro saranno Antonio Gianfico, presidente dell’Associazione Ozanam e Fabio Birotti, etno-antropologo che presenterà il libro edito dalla Gramma edizioni “Fuochi del Vesuvio. Riti e pratiche devozionali per la Madonna di Castello”. All’ incontro interverranno anche Dario Mogavero, cantante dei “Rareca Antica”, gruppo di canti tradizionali popolari e i danzatori Angela Esposito e Antonio D’Alise.  Il secondo incontro si terrà lunedì 25 marzo alle ore 17.00 e sarà coordinato da Gabriele Capone, responsabile della cultura e della biblioteca del Comune di Sant’Antimo. Sarà  presentato  il numero della rivista “Meridiana” dal titolo “Ecocamorre”. Previsti gli interventi di Gabriella Corona, direttore di Meridiana, Antonio Di Gennaro agronomo di Risorsa.info, Agostino Di Lorenzo architetto-urbanista Area Progetti, Daniele Fortini presidente “Federambiente” e amministratore delegato Asìa. Durante gli incontri sarà visitabile la mostra fotografica “L’altra Campania” a cura di Enzo Borzacchiello.

BIBLIOTECASA -Incontriamo le diversità è un’attività del progetto “BiblioTeCasa” sostenuto dalla Fondazione con il Sud e dalla Fondazione Vodafone per promuovere la biblioteca come luogo di cultura e coesione sociale. Lo scopo è la creazione di una biblioteca che si avvicini alle esigenze di tutti: giovani, diversamente abili, stranieri e anziani. Le azioni progettuali puntano a creare una serie di attività innovative che rendano la biblioteca un polo attivo di aggregazione, stimolando i cittadini di Sant’Antimo a essere promotori di iniziative socio-culturali a favore della comunità, promuovendo la coesione e inclusione sociale .

di Mirella Soprano

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *