Usa, svolta degli scout: «Anche gay tra noi»

USA. I Boy Scouts d’America aprono le porte ai gay: dopo aver affermato appena sette mesi fa che non c’erano possibilità di ammettere omosessuali nei loro ranghi, la più antica e prestigiosa associazione scoutistica americana si prepara a una clamorosa inversione di rotta. La revoca del bando a livello nazionale sarà messa ai voti forse già la prossima settimana dal consiglio dei direttori del gruppo.

NBC. A rivelare la possibile inversione di rotta è la Nbc: se verrà approvata la revoca rappresenterà una radicale rivoluzione su una tematica altamente controversa arrivata fin davanti alla Corte Suprema. Fanno parte dei Boy Scouts of America oltre 2,5 milioni di giovani e un milione di leader adulti. Solo la scorsa estate l’organizzazione, di cui il presidente Barack Obama è leader onorario, aveva respinto una petizione con ben 300mila firme consegnata da gruppi che avrebbero voluto una maggiore apertura degli eredi di Baden Powell nei confronti dell’omosessualità. La riconferma del divieto a diventare scout per persone che abbiano fatto ‘outing’ aveva sollevato proteste a livello di gruppi locali.

di Mirko Dioneo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *