Uno sportello per i migrantes

NAPOLI. Uno strumento essenziale di informazione, assistenza legale e sanitaria, ma anche per problematiche legate al mobbing, al razzismo e alla violenza di genere per tutti coloro che provengono da una città straniera. Vuole essere questo lo sportello per i migrantes che aprirà nella sede della II municipalità in corso Garibaldi entro la fine di dicembre. Uno sportello di informazione e prima accoglienza (con attività di front-office, distribuzione di guide e opuscoli sui servizi di pubblica utilità) rivolto agli immigrati che vivono sul territorio del Comune di Napoli, per orientarli ed accompagnarli (attraverso il supporto di mediatori linguistico-culturali e legali) agli uffici competenti.

ASSESSORI. Un modo per promuovere, come rimarcano Melinda Di Matteo e Pino De Stasio, assessori alle Politiche sociali e alle Pari opportunità della II municipalità, «sia la parità del diritto di accesso e di utilizzo/fruizione dei pubblici servizi da parte degli extracomunitari; sia per sensibilizzare i napoletani sul valore positivo degli immigrati per la crescita civile e culturale della comunità locale e la cultura dell’accoglienza». «Abbiamo ritenuto che la collocazione ideale fosse nei locali di corso Garibaldi – spiega ancora Di Matteo – per la vicinanza con piazza Garibaldi, zona altamente frequentata da migranti di diverse etnie; collocazione che rende possibili collaborazioni con l’Ufficio per le relazioni col pubblico, i servizi sociali ed altri uffici. Utilizzeremo anche gli spazi esterni (campetto di calcio, giardini e area giochi per i bimbi) con attività culturali e di animazione».

LE ATTIVITA’. Saranno previste, inoltre, attività di formazione per il personale comunale, incontri e collaborazioni con le comunità di migranti e le associazioni del territorio. Lo Sportello si inserisce in una più ampia progettazione che prevede l’apertura di: sportello contro la violenza di genere, “Rete per le donne”, sportello LGBT, attività di mediazione dei conflitti per le famiglie dei condannati a pene esterne in collaborazione con il Ministero di Grazia e Giustizia, Telefono rosa, centri di sostegno alla genitorialità. «L’idea è di collocare in corso Garibaldi un mega polo sociale che potrà divenire strategico per l’intera città». «È importante – insiste De Stasio – che lo sportello dei migranti sia collocato a Mercato-Pendino, zona che soffre da anni di abbandono sociale. Ecco perché, ad esempio, lo sportello Lgbt sarà uno strumento fondamentale per l’ascolto e l’inclusione di tutte le problematiche di “genere”. Si deve a questa amministrazione se il tema della diversità ha avuto una svolta radicale sia per il riconoscimento delle coppie di fatto sia per le altre iniziative in programma».

di Giuliana Covella

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *